Dieta dukan e colazione italiana, un binomio possibile

//Dieta dukan e colazione italiana, un binomio possibile

Dieta dukan e colazione italiana, un binomio possibile

La dieta Dukan, in un mondo che ci vorrebbe tutti snelli, modellati e tonici, è uno dei regimi nutrizionali più seguiti per perdere peso. Senza dubbio fra le più celebri, la dieta Dukan deve il nome al suo inventore, il medico Pierre Dukan.

Il nutrizionista francese, fra i più famosi al mondo e molto seguito in patria, da più di 40 anni è esperto in comportamento alimentare. Ha fatto della lotta all’obesità la sua battaglia di vita, pur con ostacoli e polemiche su cui non ci addentreremo in questa sede.

La Dukan, più che una semplice dieta, può essere considerata una vera e propria strategia alimentare. Risulta mirata non soltanto a perdere peso, ma anche e soprattutto a non riprenderlo più. Il principio base, il vero motore della lotta al sovrappeso, è rappresentato dalle proteine, coadiuvate dalla crusca d’avena. Vediamone insieme le caratteristiche salienti.

Dieta Dukan: in cosa consiste

Si tratta di un metodo che comprende una lista di 100 alimenti autorizzati, da consumare senza contare le calorie, ma con una logica diversa. Si tratta indubbiamente di una dieta iperproteica, che permette di dimagrire stabilizzando il proprio Giusto Peso personalizzato. Quello del “Giusto Peso” è un concetto intrinseco del metodo Dukan, la base da cui partire e da non abbandonare mai più.

La dieta Dukan è strutturata in quattro fasi. Le prime due per un rapido dimagrimento, e le ultime per non riacquistare più i kg in eccesso.

Le quattro fasi della dieta Dukan

Attacco, crociera, consolidamento e stabilizzazione: queste le 4 tappe in cui è suddivisa la dieta.

Nella prima, l’attacco, come dice la parola, il peso viene “attaccato” per favorire una perdita veloce, consumando 72 alimenti consentiti. Sono contraddistinti tutti da un elevato contenuto di proteine pure (PP), il vero punto di forza della dieta Dukan. Stiamo parlando di carne, pesce, uova, ecc.

Successivamente, si passa alla seconda fase, detta di crociera, che consentirà di raggiungere progressivamente il Giusto Peso. Il regime alimentare di questo periodo alterna alimenti a base di PP con giornate di Proteine e Verdure (PV). In questo caso, dunque, vengono introdotti gli altri 28 alimenti a completamento dei 100 totali di cui abbiamo parlato all’inizio, che sono, appunto, verdure.

La terza fase è detta di consolidamento. Serve a educare il corpo evitando così di ingrassare nuovamente, scongiurando l’effetto yo-yo. Si passa alla reintroduzione progressiva di alimenti più energetici, e ai “pasti di gala”, o “di premio”. Viene mantenuta, nella settimana, una giornata ancora e solo di Proteine Pure, di solito il giovedì, per aiutare a stabilizzare il Giusto Peso.

La quarta e ultima parte, di stabilizzazione, regala la libertà alimentare, regolarizzata però da 3 indicazioni precise, da seguire per sempre:

  • Mantenere il giovedì come giornata settimanale di Proteine Pure (PP).
  • Rinunciare ad usare l’ascensore ed effettuare un camminata di almeno 20 minuti al giorno.
  • Consumare 3 cucchiai di crusca d’avena al giorno.

Dieta Dukan: il principio dimagrante legato alla colazione 

Ovviamente, in un regime alimentare così rigido, la colazione riveste una grande importanza e deve essere gestita con attenzione. Dopotutto è il primo pasto dopo le ore di inattività notturna, e per questo risulta fondamentale. Come abbiamo visto, è possibile consumare molti alimenti tipici di una colazione italiana, e anche in buona quantità. Consentiti, dunque, sono latte magro, uova, formaggi light. Possono rientrare anche alcuni dolci che, però, devono essere  preparati secondo le ricette Dukan.

La colazione prevista dalla dieta Dukan è, come ormai abbiamo capito, un pasto proteico. Fin da questo momento della giornata, si consumeranno le riserve di grasso. Pur dovendo eliminare completamente i carboidrati, non dobbiamo pensare alla colazione nella Dukan come ad un pasto spento e privo di gusto. Ci sono infatti molte preparazioni consentite e studiate appositamente dal Dr. Dukan. Naturalmente, però, bisognerà seguire alla lettera sia i quantitativi sia gli ingredienti indicati.

Vediamo allora qualche menu per colazioni in fase 1 (attacco) e per la 2 (crociera). Approfondiremo poi cosa consumare negli ultimi due periodi, ossia il consolidamento e la stabilizzazione.

Dieta Dukan: le ricette per colazione

Abbiamo visto che gli alimenti autorizzati nella prima fase sono ben 72, quasi tutti a base di proteine di origine animale. Tra gli altri, troviamo carni magre, latticini magri, pesce, uova, bacche di Goji e crusca di avena. È poi consigliato bere molto, non potendo mangiare cibi che contengono acqua, poiché sono bandite frutta e verdura, così come carboidrati e grassi. Tutto questo serve a risvegliare il metabolismo, innescando così un rapido dimagrimento.

Colazione con dieta Dukan durante la prima fase

Menu n. 1: 1 bicchiere di latte magro con 1 cucchiaio e mezzo di crusca d’avena, caffè senza zucchero, 1 uovo sodo.

Menu n. 2: omelette con 2 uova, farcita con formaggio magro e 1 fetta di prosciutto senza grassi, 1 caffè o tè senza zucchero.

Menu n. 3: 1 caffè senza zucchero, 200 g di formaggio light, 2 fette di prosciutto magro senza grassi.
Menu n. 4: crepes fatte con 1 uovo, 75 ml di latte magro, 1 cucchiaio di crusca di avena, 1 caffè senza zucchero.
dieta dukan
Come abbiamo visto, la colazione con la dieta Dukan, pur non comprendendo i classici cappuccino e brioche, non presenta, in fondo, particolari sacrifici. Persino in questa fase d’urto è consentito consumare primi pasti gustosi e ricchi. Inoltre, è possibile anche preparare torte o biscotti senza farina e senza zucchero, così come creme o budini.  Preparandoli con latte magro e uova, saranno perfetti per la colazione “d’attacco”.  Risulta anche possibile bere un bicchiere di latte di soia, ricco di proteine vegetali, poco calorico, povero di grassi e senza lattosio.
Lo zucchero è sempre vietato, mentre è consentito l’aspartame.

Colazione con dieta Dukan durante la seconda fase

Menu n. 1: crocchette di verdure fatte con 1 uovo, 2 cucchiai di maizena, 2 zucchine grattugiate e cotte senza grassi.
Menu n. 2: 100 g di salmone affumicato condito con salsa allo yogurt, prezzemolo e capperi.
Menu n. 3: 2 yogurt magri con 2 cucchiai di crusca di avena, caffè o tè senza zucchero.
Menu n. 4: Budino fatto con 1 tuorlo, 300 ml di latte magro, agar agar e scorza di limone.

Durante la “crociera” della dieta Dukan, abbiamo la possibilità di aumentare i cibi ammessi introducendo 28 tipologie di verdure, per arrivare ai 100 alimenti ammessi dal metodo. In questa fase sarà meno evidente il dimagrimento, anche se si riuscirà comunque a perdere circa 1 Kg alla settimana. Una volta raggiunto il “Giusto Peso”, o per lo meno quello desiderato, si potrà iniziare il consolidamento. Va ricordato che, in questo secondo periodo, dovranno essere alternati alimenti solo PP, proteine pure, agli ortaggi, alimenti PV. I menu sono sia dolci sia salati, per variare gusti ed abitudini alimentari.

Colazione con dieta Dukan durante la terza e quarta fase

Durante questo terzo periodo, ci si avvia alla stabilizzazione della perdita di peso, suggellata dalla soddisfazione dei risultati sin qui ottenuti. In definitiva, anche nell’ultima fase, si dovrà cercare di mantenere sempre un regime simile. Si continua il dimagrimento, ma a ritmo più lento, indicativamente 1 Kg ogni 10/12 giorni.

In questa fase si potrà anche consumare un po’ di frutta, del pane integrale, del formaggio e 2 porzioni di farinacei a settimana. I menu non sono più così tassativi, e ci si può sbizzarrire abbinando i vostri cibi preferiti per delle colazioni più varie. Qualche suggerimento: uovo alla coque, bresaola con gallette e crema al formaggio. Ma anche yogurt magro con frutta e bacche di Goji, e perfino una torta al cacao Dukan, senza zucchero né farina. Anche una fetta di tacchino  potrà diventare una base per la colazione. Risulta perfetta abbinata a due foglie di lattuga e pomodori, fra due fette di pane integrale.

Lasciate quindi che vi guidi un po’ la fantasia. Ricordate sempre, però, quanta fatica avete fatto per arrivare all’agognato peso forma!

 

2018-10-05T19:36:32+00:00

Leave A Comment