Bacche di goji come sfruttarle a colazione

Bacche di Goji a Colazione

Bacche di Goji: come sfruttarle a colazione

Le bacche di Goji sono dei piccoli frutti che contengono però moltissimi benefici. È consigliato mangiarle a colazione per goderne dei benefici. Di seguito verranno elencati dei suggerimenti su come sfruttarle.

Come sfruttare le bacche di Goji a colazione: consigli

Il modo classico per consumare le bacche di Goji è quello di abbinarle con cereali e latte, oppure con cereali e yogurt greco. Si possono anche abbinare della frutta di stagione, o anche frutta secca per aggiungere più gusto. Altro modo per consumare le bacche di Goji è quello di preparare un infuso a base di questi piccoli frutti: basta bollire un cucchiaio di bacche in 250ml di acqua; poi bisogna filtrare il liquido e berlo, addolcendolo anche con del miele.

Per una colazione sana e leggera si può ricorrere alle barrette con frutta secca e bacche di Goji, acquistabili in ogni supermercato o negozio di di fitness. Tuttavia è consigliato prepararle in casa, visto che sono facili da fare e si può controllare quali ingredienti vengono messi. Invece, se si è in vena di una colazione diversa dalle altre ma allo stesso tempo sana si può optare per un porridge con frutta secca o fresca e bacche di Goji; queste possono essere mescolate insieme al porridge oppure possono essere aggiunte ad esso, fresche, appena prima di essere mangiato.

Se invece ci si sveglia la mattina con la voglia di qualcosa di dolce e goloso, l’ideale è prepararsi un plumcake all’arancia e bacche di Goji, oppure una torta al cioccolato fatta di muesli e bacche di Goji. Un ciambellone marmorizzato, oltre ad essere gustoso, può anche rallegrare la giornata con i suoi colori vivaci dati dalle bacche di Goji messi all’interno dell’impasto. Un dolce facilmente mangiabile e molto pratico sono i muffin con bacche di Goji e gocce di cioccolato, oppure muffin con yogurt e bacche di Goji. Insomma, si può scatenare la propria fantasia facendo attenzione a bilanciare il sapore delle bacche con gli altri ingredienti e gli altri frutti.

Per una colazione semplice e gustosa, si può spalmare una marmellata di goji su delle fette di pane integrale o anche su delle fette biscottate. Infine, se si va di fretta e non si ha tempo di fare una colazione tranquilla, basterà mangiarsene una manciata per sentirsi subito sazio e pieno di energie oppure usare degli integratori a base di bacche di Goji.

I benefici delle bacche di Goji

Esistono tantissimi modi e preparazioni per consumare le bacche di Goji a colazione e possono, come detto precedentemente, apportare tantissimi benefici al corpo. Ma quali sono i benefici di queste bacche rosse a forma di peperoncino? Che siano bacche di Goji fresche o essiccate, i benefici e le proprietà nutrizionali non cambiano affatto. Anzitutto contengono molti antiossidanti i quali prevengono l’invecchiamento di tessuti e ossa che compongono tutto il corpo. Permettono di aumentare le difese immunitarie grazie ai polisaccaridi presenti al loro interno, e contengono anche Vitamina A, C e B le quali aiutano a prevenire la comparsa di tumori.

Omega 3 e Omega 6, due grassi buoni che sono importanti per la regolazione della pressione sanguigna e per regolare le risposte infiammatorie del corpo e della pelle. Inoltre, grazie alle fibre e ai probiotici, aiutano moltissimo l’intestino e migliorano il transito intestinale. Proteggono anche la vista grazie a delle sostanze: le carotenoidi, presenti anche nelle carote. Le bacche di Goji aiutano anche ad abbassare il colesterolo e a stimolare la perdita di peso; per questo vengono impiegate da moltissime persone nella loro dieta.

Per i diabetici, invece, le bacche di Goji possono essere un vero e proprio aiuto, visto che controllano la glicemia e stabiliscono i livelli di glucosio nel sangue, con effetti a lungo termine. Infine posseggono un potere saziante: è possibile mangiarle così, in forma pura, per sentirsi velocemente sazi.
Sebbene facciano bene e contengano così tanti principi nutritivi, bisogna comunque controllare di non avere allergie a riguardo. È quindi consigliato consultare un medico o un nutrizionista per avere informazioni aggiuntive.

Conclusione

Le bacche di Goji sono dei veri e propri frutti miracolosi, i quali posseggono proprietà nutritive che possono migliorare lo stato del proprio corpo. Come si è appena visto, sfruttarle a colazione non è assolutamente complicato: basta solo scegliere quello preferito e quello considerato più creativo.

Mandorle a Colazione: Benefici e Controindicazioni

La colazione è un pasto essenziale per iniziare al meglio la giornata. Per la giusta dose di energia, le mandorle possono rivelarsi una soluzione perfetta.

Le proprietà benefiche delle mandorle

Sono davvero molteplici i motivi che rendono il consumo quotidiano di mandorle un elemento assolutamente benefico per la nostra salute e dieta. Come anche altri generi di frutta secca, sono particolarmente ricche non solo di un ottimo quantitativo calorico, ma di sostanze come il magnesio, vitamine e minerali, elementi fondamentali per il benessere e la salute del nostro organismo.

Innanzitutto, la presenza di fibre e proteine vegetali garantiscono il mantenimento in buona salute del nostro intestino, mentre invece un ruolo fondamentale è svolto dal magnesio, il quale agisce a beneficio di differenti funzioni; è un elemento importante contro lo stress, la fatica, agendo quindi in maniera efficace sulla pressione nervosa. il magnesio presente nelle mandorle permette di abbassare notevolmente la pressione sanguigna e arteriosa. In questo modo, si riduce favorevolmente il rischio di infarto, ictus e insufficienza renale. Inoltre, il magnesio è un elemento fondamentale per le persone affette da diabete; riesce ad equilibrare i livelli di glucosio nel sangue oltre che ad essere d’aiuto all’utilizzo di insulina.

Un consumo equilibrato e non eccessivo di mandorle favorisce anche il benessere delle nostre cellule e della pelle; la presenza di antiossidanti protegge per l’appunto le cellule dal danno ossidativo. Inoltre, si rivelano essere un’ottima soluzione per le proprie diete dimagranti, oltre alla capacità di ridurre il senso di fame. Le mandorle presentano un basso livello di carboidrati a vantaggio di proteine e fibre, questo fa sì che aumenti il senso di sazietà successivamente al loro consumo. Inoltre, ai fini di una buona dieta, alcuni studi dimostrano che le mandorle possano incrementare notevolmente l’efficacia del metabolismo.


Proprietà delle mandorle contro il colesterolo e per la salute del cuore

Consumare un buon quantitativo di mandorle al mattino, come anche in altri momenti della giornata, può essere un aiuto importante contro il colesterolo e a beneficio della salute cardiaca. Permettono di abbassare il livello di colesterolo cattivo presente nel sangue grazie a due acidi, oleico e palmitoleico, a vantaggio di un aumento discreto del colesterolo buono. La vitamina E invece, aiuta a prevenire e diminuire il rischio di infarto, mentre grazie ai grassi insaturi è possibile proteggere e salvaguardare la salute del nostro cuore.

È importante sottolineare quanto il consumo di mandorle possa essere di grande aiuto anche per l’anemia e per le ossa. La presenza di calcio infatti, le rende un alimento ottimo per le persone affette da osteoporosi, mentre il quantitativo di ferro presente al loro interno può essere efficace in caso di anemia sideropenica.

Quantitativo e controindicazioni

È assolutamente necessario specificare che, come qualsiasi tipo di pasto che apporta benefici, anche le mandorle vanno mangiate in maniera moderata. È infatti controproducente consumarle in quantità smisurate e senza un vero equilibrio di base, bisogna quindi cercare ad esempio di accostarle ad altri cibi o fare attenzione quotidianamente alla quantità necessaria. In tal senso, la quantità consigliata è di 15-20 mandorle, pari a circa 35 grammi. È altrettanto importante chiarire che, seppur siano un elemento nutrizionale importante nella dieta di una persona affetta da diabete, un consumo disomogeneo ed eccessivo è comunque fortemente sconsigliato, sopratutto per persone in sovrappeso. Attenzione anche alla presenza dell’arginina, una sostanza che stimola lo sviluppo e l’attività dell’herpes nel caso in cui fosse presente nel nostro organismo. Inoltre, è fortemente consigliato di evitare le mandorle amare; se consumate crude, possono essere realmente dannose per l’organismo e la salute. Esse infatti hanno un glucoside, la Amigdalina, che può essere seriamente un pericolo per la salute. Un elevato consumo di mandorle amare può infatti rivelarsi fatale, risalutando velenose per il nostro organismo. Ovviamente bisogna prestare molta attenzione a eventuali intolleranze e allergie, la frutta secca è uno degli alimenti più comuni fra le allergie.

Semi di chia proprietà e benefici

I semi di chia sono da tempo utilizzati in cucina in quanto costituiscono un’importante base alimentare. Sono ricchi di proprietà e apportano benefici indispensabili per l’organismo e non solo.

Proprietà e nutrienti dei semi di chia

I semi di chia sono considerati dei superfood perché contengono un cospicua quantità di proprietà e nutrienti definiti dei veri toccasana per la salute di tutti. A prima vista sembra quasi impossibile che questi piccoli semi dal colore nero provenienti dal centro e sud America siano così importanti nell’alimentazione.

Una delle più eccellenti proprietà che contengono sono i minerali come il calcio, il ferro, il potassio e il selenio. Questi sono solo quelli più importanti perché a questa lista si aggiungono anche lo zinco, il magnesio e il boro. Prosperano anche di grassi saturi come Omega 3 e Omega 6, i cosiddetti grassi essenziali, ossia quelli che non devono mai mancare nell’alimentazione perché l’organismo non è in grado di ridurli. Tra le numerose proprietà non mancano le vitamine e la principale è la C seguita dalla A, B6, B12 ed E.

Inoltre, contengono un’elevata quantità di antiossidanti naturali e amminoacidi che contribuiscono alla formazione di diverse e indispensabili proteine come la lisina e cisteina.

Benefici dei semi di chia

I semi di chia sono dei veri e propri portatori di energia all’organismo ecco perché è importante integrarli nella colazione. Sono ricchi di fibre insolubili ossia quelle fibre che tengono sotto controllo la salute del diabete e del colon. Inoltre, hanno un alto potere saziante infatti, degli studi hanno confermato che all’interno dell’organismo lavorano come delle spugne ossia, aumentano il volume del cibo ingerito lungo il tratto digestivo apportando una piacevole sensazione di sazietà e di conseguenza poca assunzione di calorie.

Come già accennato sopra sono molto ricchi di Omega 3 e Omega 6 che nell’alimentazione sono definiti i grassi buoni perché oltre ad essere degli antinfiammatori naturali che tengono sotto controllo l’ipotiroidismo, sono anche molto indispensabili per mantenere giovani le cellule del cervello. L’assunzione di questi grassi riduce anche il rischio di contrarre tumori e malattie cardiovascolari. La presenza di diversi sali minerali costituiscono una fonte inesauribile di benefici infatti il calcio rafforza ossa, muscoli e nervi, il fosforo rende più forte la struttura dei denti, rafforza cellule, ossa e sistema immunitario, il magnesio tiene sotto controllo le contrazioni muscolari e il sistema nervoso e il selenio che grazie alla presenza della vitamina E riduce i danni che provocano i radicali liberi. Uno studio recente ha confermato che assumere nell’alimentazione semi di chia in maniera costante riduce i livelli di zucchero nel sangue quindi di conseguenza migliorano quelli della glicemia, inoltre diminuisce il rischio di malattie cardiache e addirittura di infarto in quanto regolano la pressione sanguigna.

Per chi desidera avere dei capelli forti e splendenti questi semini sono degli integratori naturali eccellenti perché rendono potente il sistema immunitario che rallenta la caduta dei capelli. Per non farsi mancare nulla si può preparare una ricetta facile da applicare sui capelli lavati. Si mette una discreta quantità di semi nell’acqua bollente per mezz’ora. Filtrare il liquido in un vaporizzatore e spruzzare sui capelli. La consistenza sarà quella di un gel che agirà sul cuoio capelluto come un rinforzante naturale.

Informazioni utili sui semi di chia

I semi di chia si possono assumere in diversi modi e il fabbisogno giornaliero si aggira intorno ai 5-6 grammi. Crudi possono essere aggiunti ad uno yogurt, insalata, macedonia o succo di frutta. Possono essere inseriti anche in ricette come pane, torte salate, dolci come i famosi muffin ai semi di chia ed anche nelle famose ricette vegane come le polpette di lenticchie e ceci. E per chi è celiaco è importante che sappia che sono privi di glutine quindi non apportano nessuna intolleranza. Sono disponibili in diversi supermercati ma per reperirli più facilmente è meglio recarsi in quelli specializzati in prodotti biologici.

Ricette Dolci con Alga Spirulina: 3 idee da provare

L’Alga Spirulina è entrata da tempo a far parte dei sistemi integrativi alimentari utili a ripristinare qui equilibri vitaminici e minerali di persone soggette a particolari regimi alimentari per ragioni sportive, mediche o del tutto personali.

Quindi siamo abituati a vedere questa alga , anche detta superfood, più come una capsula che come un alimento. Ma, l’Alga Spirulina, può anche essere consumata in maniera naturale e quindi è possibile integrarla nella nostra dieta inserendola come un qualunque altro ingrediente all’interno di una pietanza.

In che modo dunque possiamo usarla in cucina per la preparazione di ricette dolci?


L’Alga Spirulina non ha un sapore invasivo mentre il suo colore verde intenso contagia qualunque altro alimento con la quale entra in contatto, per questa ragione, oltre ovviamente ai suoi preziosi nutrienti, può essere usata per ottenere delle varianti creative dei classici della pasticceria internazionale.

Di seguito proponiamo tre idee originali su come usare questo super alimento per la preparazione di gustosi dessert.

Cheese cake con alga spirulina



La chees cake è una torta che viene proposta in moltissime varianti, ma certamente il formaggio è l’ingrediente che la caratterizza, sia nella consistenza che nel sapore.

Un buon modo di integrare l’Alga Spirulina (in polvere) nella ricetta della torta al formaggio, qualunque sia la versione che preferite preparare, è quello di inglobarla nel composto a base della cake.

Il risultato sarà quello di caratterizzare il colore della torta, che non sarà più tendente al bianco panna, ma di un verde intenso e brillante. Inoltre sarà arricchita di preziosi nutrienti propri dell’Alga Spirulina.


Crostata di ricotta con Alga Spirulina



Un altro dolce nel quale è possibile integrare l’Alga Spirulina in maniera che la sua presenza sia caratterizzante per il dolce anche dal punto estetico e non solo nutrizionale è la crostata di ricotta fresca.

Questa torta rustica prevede l’uso della pasta frolla per la base e di un composto di ripieno che viene fatto con la ricotta fresca dolcificata con zucchero o miele e arricchita con uvetta passa e a piacimento della frutta secca.

Anche per questa ricetta andremo a inserire l’Alga Spirulina in polvere al momento di amalgamare la ricotta con gli altri ingredienti e noteremo che la ricotta si colorerà immediatamente di un intenso colore verde che si imbrunirà nella parte superiore in cottura. Colore che però verrà mantenuto all’interno e quindi visibile al taglio.

Una bella sorpresa per chi avrà la fortuna di assaggiare questo dolce così particolare e certamente buonissimo.

Bignè con Alga Spirulina



bignè all’Alga Spirulina si ispirano a famosi bignè al pistacchio.

La preparazione è molto semplice. Consigliamo di usare per il ripieno dei bignè una crema di base bianca, come una panna o una pasticciera. Procedere ad inserire nel composto l’Alga Spirulina in polvere e amalgamare in maniera molto dolce per evitare di smontare le creme sino a omogeneizzare il tutto per poi inserirlo nella sacca del bignè.

Un altro utilizzo possibile sempre con i bignè è quello di usare l’Alga Spirulina per ottenere una glassa verde con la quale rifinire questi golosissimi dolci. Sarà sufficiente mischiare una piccola quantità di questo superfood con acqua, zucchero a velo e amido e la glassa è pronta.