Annalisa Farm, Mormanno: La marmellata fatta in casa che ha tutto un altro sapore

///Annalisa Farm, Mormanno: La marmellata fatta in casa che ha tutto un altro sapore

Annalisa Farm, Mormanno: La marmellata fatta in casa che ha tutto un altro sapore

La cosa migliore da fare, guardando la mia terra, era di vederla coltivata cercando di far nascere frutti e sapori seguendo i ritmi e le regole della natura, di seguito soddisfare la gente, gli ospiti, i bambini(…)
Così nel 2015 è nata l’azienda agrituristica Annalisa Farm(…)Ed eccoci pronti con la Produzione di: more, mirtilli, lamponi, fragole, ribes e funghi pleurotus eryngii(cardoncelli) ed inoltre  le marmellate prodotte con i nostri piccoli frutti rigorosamente biologici(…)

Questo si legge sulla mission della azienda agricola Annalisa Farm sulla pagina Facebook gestita da Annalisa Olita, e da questo già si intuisce la passione che c’è dietro un progetto che parte dalla terra.

L’Azienda si trova in Calabria, in provincia di Cosenza, nei pressi del Parco Nazionale del Pollino, una zona meravigliosa sia per rilassarsi che per godersi la natura. Ho voluto parlare con Annalisa riguardo ad un prodotto che amo particolarmente, l’ingrediente principale delle crostate: la marmellata.

E Qui a Mormanno la marmellata si fa ancora con procedimenti tradizionali, partendo dai frutti di bosco coltivati in queste terre.

Pronti? Via! Buona Lettura.

Salve, innanzitutto ti ringrazio per averci dedicato un po’ del tuo tempo prezioso. Ti va di raccontarci la vostra storia?

Ho lavorato in passato in una grande azienda agricola dove si coltivavano funghi. Contemporaneamente nei week end lavoravo in un Bed and Breakfast. Erano i primi che nascevano qui nel 2000. Le difficoltà economiche erano molte avendo perso mio padre giovanissimo. La realtà del sud si conosce fin troppo bene…Quindi per sopravvivere io mia madre e mia sorella abbiamo dovuto fare lavori umili e mal retribuiti.
Il mio sogno era di avere un’attività mia un domani senza dover lavorare per gli altri.
Così grazie all’aiuto del mio ex compagno che acquistò la casa in cui vivo sono riuscita a realizzare il Bed&Breakfast IL GHIRO.
Nel cuore del Parco Nazionale del Pollino. Immerso nel verde ma allo stesso tempo a pochi km dall’autostrada.

Come è nata l’idea di lanciare un’azienda agricola?

L’azienda agricola Annalisa Farm nasce da un’idea del 2008 che si è realizzata solo nel 2015. L’intento era di far nascere contemporaneamente il Bed and Breakfast e l’Azienda in modo da offrire agli ospiti prodotti a km zero.

L’azienda è costituita da me e Giovanni Sabelli. Lui si occupa della potatura e concimazione delle piante ma soprattutto cerca di realizzare cose diverse da quelle che trovi in commercio come il vino di more e di ribes. È stato sua l’idea di far fermentare le more come il vino e ne è uscito un nettare divino! Esclusiva degli ospiti del Ghiro.

Tutto rigorosamente biologico. Il fiore all’occhiello sono le fragole, lamponi e more con cui preparo marmellate, i nostri dolci tipici che sono i Bocconotti di Mormanno( QUI la ricetta) e con i ribes e le more sono riuscita a creare anche un vino dal sapore fruttato e dolce. Quest’ultimo solo per uso personale o da offrire ai clienti durante il giorno mentre si godono la frescura dei nostri monti!

Dove si trova la vostra attività?

La mia attività si trova A Mormanno provincia di Cosenza a 900 m. di altitudine nel cuore del Parco nazionale del Pollino a 4 km dall’uscita di Campotenese sulla vecchia A3 Sa-Rc ora A2 del Mediterraneo.

A Tuo parere, cosa differenzia un prodotto(confettura/marmellata) che viene prodotto al 100% a Km. zero rispetto ad un prodotto, anche se bio, realizzato in serie da aziende che acquistano la materia prima? A parte il controllo totale della produzione, ci sono altri vantaggi che si rispecchiano sulla qualità del prodotto finito?

Le mie marmellate sono realizzate soltanto con frutta e zucchero. Nessun altra aggiunta. Come le facevano le nostre nonne. La frutta viene trasformata massimo un’ora dopo la raccolta ed in poche quantità, poiché essendo rigorosamente bio, si ha poca quantità di frutti giornalieri e si aspetta il ciclo di maturazione in base alle condizioni climatiche. Qualsiasi azienda bio ha comunque la possibilità di usare pesticidi o conservanti consentiti. Io non uso niente …Infatti non ho grandi quantità. Se scendi nel mio frutteto sembra di essere nel bosco.

Quali sono le problematiche più diffuse che incontrate nella realizzazione dei vostri prodotti?

Le problematiche principali sono le condizioni climatiche. Da noi essendo in montagna ci sono troppi sbalzi di temperatura. Quindi capita spesso ad aprile che in fase di maturazione delle fragole arriva una gelata notturna e perdi tutto. Anche se una parte delle fragole sono in serra per proteggerle di più. In serra significa che sono solo coperte dal telo, altrimenti sono coltivate a terra come quelle fuori. Altro problema sono i parassiti che cerco di debellare con selezione naturale come coccinelle o li tolgo a mano. Altra difficoltà è vendere qui in zona il prodotto fresco. Perché chi lo vorrebbe mi chiede grandi quantità tipo 20 kg di lamponi in un giorno…cosa che io non riuscirò mai ad avere. ..20 kg li raccolgo il 20 giorni..anche se ho 300 piante di ogni frutto.

 

NB. Attualmente ancora ufficialmente non ho il marchio bio…Entro quest’anno dovrebbero darmelo ma la burocrazia calabrese si prende i suoi tempi!

Grazie ancora per la disponibilità!

 

 

 

2018-10-05T19:50:55+00:00

Leave A Comment